Settimana della cultura 2018

A Molfetta “Un Posto Bello”, settimana di cultura 2018

Sulle orme di don Tonino, dal 15 al 19 Aprile l’annuale kermesse presso il Seminario Regionale:
tra gli ospiti Mons Pizzaballa, Agnese Moro e l’ex brigatista Adriana Faranda

Cinque appuntamenti ed una Mostra, dal 15 al 19 Aprile presso l’aula magna del Seminario
Regionale di Molfetta: questo il programma di ‘Un Posto Bello’, Settimana di Cultura 2018.

A 25 anni dalla scomparsa di don Tonino Bello, l’evento non intende semplicemente ricordare o
celebrare, come parentesi del passato, l’esemplare testimonianza di dedizione e carità pastorale del
Vescovo di Molfetta, quanto piuttosto scorgere, nell’oggi, sfide e frontiere in cui impegnarsi a
servizio delle “utopie del Vangelo”, assecondando l’invito ad essere “costruttori” impegnati nelle
vicende della storia, preoccupati per il destino degli ultimi e non indifferenti spettatori di ingiustizia.

La manifestazione si aprirà domenica 15 Aprile con la riflessione sul coraggio, elemento chiave
nella testimonianza di don Tonino, aiutati dalla visione del film Terraferma insieme al critico
cinematografico Giuseppe Grossi; a seguire, lunedì 16 aprile, con lo scrittore Tommy Dibari si
approfondirà il tema della dimensione poetica negli scritti e nella spiritualità di don Tonino.
Attesissimo, martedì 17 Aprile, l’incontro tra Agnese Moro, figlia dello statista pugliese, e l’ex
brigatista rossa Adriana Faranda, già da tempo impegnate, assieme ad altre vittime della
violenza ed ex terroristi, in cammini di reciproco riconoscimento e perdono. Ancora, giovedì 18,
l’Amministratore apostolico del Patriarcato di Gerusalemme, Mons. Pizzaballa, testimonierà
difficoltà e speranze dei processi odierni di costruzione della pace.

La settimana si concluderà venerdì 19 con lo spettacolo teatrale “Oltretutto”, di Michele Santeramo,
proprio alla vigilia della visita di Papa Francesco nei luoghi di don Tonino. Per tutta la durata
della kermesse sarà possibile partecipare, all’interno del Seminario, ad una mostra e riflettere grazie
alle installazioni artistiche preparate dai seminaristi.

“Con questa settimana – le parole di don Gianni Caliandro, rettore del Seminario Regionale di
Molfetta – intendiamo prepararci a fare memoria del venticinquesimo anniversario della morte di
don Tonino. Perché questa memoria non diventi retorica abbiamo deciso di declinare i temi a lui
cari, che rendono prezioso ancora il suo magistero, nell’oggi del tempo che viviamo. Ancora
abbiamo bisogno di recuperare un’etica della parola, ancora dobbiamo scegliere l’impegno per la
pace, è ancora davanti a noi la responsabilità di costruire la nostra convivenza sulla
riconciliazione. Sono questi i temi che affronteremo insieme, guidati da testimoni che, come don
Tonino ieri, sono oggi per noi credibili, impegnati in prima persona su queste strade che sanno di
Vangelo”.

 

No Comments

Post a Comment